From the Blog

La frisella: regina delle cena estiva in terrazza

Un tarallo di grano duro cotto al forno dalla superficie rugosa, perfetto per assorbire ogni tipo di condimento dopo un breve bagno in acqua. E’ quello che ci vuole per una cena improvvisata in terrazza accompagnata da un bel calice di vino fresco e tanta buona compagnia.

La frisa o frisella, col suo aspetto biscottato e la superficie ruvida, costituiva un tempo la porzione di pane necessaria al pescatore o al contadino, ma anche un pane da viaggio che resisteva al tempo e alla distanza perché già secco. Tipica della Puglia la frisella è anche molto diffusa in Campania e in Calabria e la tradizione vuole che una volta ammorbidita e messa nel piatto diventi la base per le zuppe di pesce o di cozze oppure venga condita con pomodoro fresco, origano, sale e un filo d’olio extravergine d’oliva.

Come variante si può strofinare sulla frisella uno spicchio di aglio prima di bagnarla e aggiungere del peperoncino, cetriolo o dei capperi sotto sale.

Utilissimo procurarvi uno o più bagna frise in ceramica tradizionale da disporre sul tavolo a disposizione di tutti i commensali, e magari anche una buona antipastiera per servire tutti i contorni tipici della vostra zona.

BAGNA FRISE “Origano”

Ma la frisa si presta con disinvoltura anche come base di antipasti o brunch grazie alla versatilità dei condimenti che possono accompagnarla: acciughe, verdure e ortaggi grigliati, olive, erbe aromatiche e formaggi freschi.

BAGNA FRISE “Jaddo”

Una cena assolutamente light perchè povera anche di grassi, ma non solo… La frisa possiede la versatilità di adattarsi ad ogni momento della giornata: a colazione può essere spalmata a volontà di marmellate e cioccolato in sostituzione delle fette biscottate. Per gli aperitivi ci sono le piccole pezzature di friselline che si prestano a salse tipiche, mieli e confetture. Tenerle sempre in dispensa vi darà una marcia in più in cucina!

Frisella tradizionale pugliese

Frisella tradizionale pugliese (Wikipedia Commons)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *